Festival Tuscia Km 0 Salute & Medicina

Cibo gustoso e sano: oggi è possibile


Il social networking ha decisamente rivoluzionato le possibilità comunicative. Una donna capace in cucina può aprirsi un canale YouTube, una pagina Facebook, un profilo Instagram o tutte le piattaforme su citate e, addirittura, arrivare ad avere un canale proprio in TV. Le ricette proposte sono generalmente orientate verso il gusto dell’utente trascurando spesso quelle che sono, ad oggi, le comuni indicazioni per avere una corretta alimentazione. Pochi giorni fa mi sono imbattuta in una nota promotrice di “web ricette” per preparare la torta di compleanno di mio figlio. Essendo una professionista del settore della nutrizione non ho potuto fare a meno di notare il carico di zuccheri semplici nella ricetta proposta.

caio

Mi sono chiesta: “ma davvero non c’è la possibilità di unire il gusto alla salubrità?”. Per rispondere a questa domanda è necessaria una premessa: è vero che un alimento che si chiama dolce, per definizione, deve contenere qualche nutriente che lo renda tale. È anche vero che uno stesso grado dolcezza sarà percepito in modo del tutto differente da persone con palati allenati in modo diverso. Al mio palato, ad esempio, anche le comuni bevande zuccherate confezionate, i vari tè o succhi di frutta, risultano estremamente dolci. Conosco persone che si esprimono invitandoti a prendere un caffè, ma in realtà consumano una decina di grammi di zucchero con qualche goccia di caffè. Il palato di questi ultimi ha decisamente bisogno di tanto tanto zucchero semplice per poter definire una pietanza dolce. Questa situazione non è salutare per il consumatore. Si tratta di una condizione ben lontana dal sano stile di vita alimentare funzionale al benessere. In tal caso il consiglio è quello di cambiare gradualmente le proprie usanze e riallineare il proprio palato a sapori non eccessivamente dolci ne salati. Ciò detto, l’industria alimentare si sta adeguando alle indicazioni dell’OMS, dei LARN e di tutte le continue ricerche scientifiche che sottolineano quanto il consumo eccessivo di zuccheri semplici e sale sia deleterio per la salute, così come il consumo elevato di carboidrati complessi.

Affrontiamo una questione alla volta:

IL SALE

Il sale contenuto negli alimenti è più che sufficiente per coprire il fabbisogno giornaliero. Quindi, semplicemente, dobbiamo ridurne il consumo all’osso. E come si fa? D’altro canto una zucchina, che chiaramente non si deve consumare fritta, come la si può cucinare per renderla gustosa e sana? Lessa e senza sale? Direi che possiamo ricorrere al consumo di spezie aromatiche che sono spesso anche nutraceutiche. Nelle zucchine io adoro il timo e la maggiorana. Il gusto ci guadagna e il piatto resta sano.

LO ZUCCHERO

Certo, un dolce senza zucchero è veramente difficile da immaginare, ma provate a fare mezza dose di zucchero bianco che comunemente utilizzi e mezza dose di zucchero integrale di canna. Certamente il tuo dolce rimarrà dolce ma il danno sarà contenuto. Chiaramente puoi variare la percentuale a favore dello zucchero integrale di canna assolutamente come vuoi, magari fino ad eliminare lo zucchero bianco. Una precisazione: lo zucchero integrale di canna non è lo zucchero di canna. Hanno consistenza molto diversa: l’integrale di canna risulta un pò umidiccio con un odore che ricorda la nocciola. In questo modo il tuo dolce sarà gustoso e sano.

I CARBOIDRATI COMPLESSI

Esistono delle farine speciali che contengono una buona dose di proteine. Una tra le aziende maggiormente volta alla produzione di alimenti di consumo quotidiano, ad elevato contenuto proteico è la Foodspring. La produzione è di ottimo livello e la proposta è molto variegata. Tra i prodotti esiste un preparato per cottura da poter mescolare con la farina consigliata nella ricetta usando lo stesso principio descritto per lo zucchero. Anche la fiberpasta ha formulato una buona farina ad elevato contenuto proteico.

Sorgente: Cibo gustoso e sano: oggi è possibile – federicasanges.it